Home

gianlucacarboni.it


° Speleologia
° Alpinismo
° Arrampicata
° Escursionismo
° Torrentismo
° Turismo culturale
° Musica


 
stampa questa pagina web | . 1324502
 
Articolo inserito in data 01/10/2008 23:15:19
Album
letto 2111 volte in 4205 giorni (0,5)
COLDPLAY - "Viva La Vida or Death And All His Friends" - anno 2008

E' un album molto interessante; tutti i brani sono da ascoltare e alcuni sono particolarmente belli: "Lost!", "Lovers In Japan" e "Violet Hill".
Coinvolgente, scritto apposta per essere cantato coi fans nei concerti, "Viva La Vida"; bizzarro "Strawberry Swing". Segnalerei anche "Cemeteries Of London" se non fosse troppo evidente l'ispirazione agli U2, e "42", se non ci fosse un lungo inserto, splendido, che potremmo però ritrovare tranquillamente in una composizione dei Radiohead.
Si nota sempre lo "stile" Coldplay, ma anche il tentativo di evolversi, con sonorità diverse e improvvisi cambi di ritmo tanto marcati da dare l'impressione di essere passati all'ascolto di un altro brano... a dire il vero nella traccia 5 succede proprio così: "Lovers In Japan" e "Reign Of Love" sono pezzi differenti.

Per come la vedo io Chris Martin e i suoi confermano di essere un ottima band, fra le migliori degli ultimi anni, ma restano sempre un passo indietro a gruppi realmente innovativi come quelli a cui con ogni evidenza si ispirano: U2, Radiohead, a tratti pure Pink Floyd. 

++     Life In Technicolor
++     Cemeteries Of London
+++   Lost!
++     42
+++   Lovers In Japan / Reign Of Love
++     Yes
++     Viva La Vida
+++   Violet Hill
++     Strawberry Swing
++     Death And All His Friends

...

     
gianlucacarboni.it © Copyright 2008-2020      Tutti i diritti su testi e immagini sono riservati