Home

gianlucacarboni.it


° Speleologia
° Alpinismo
° Arrampicata
° Escursionismo
° Torrentismo
° Turismo culturale
° Musica


 
stampa questa pagina web | . 1373040
 
Articolo inserito in data 12/10/2008 17:59:09
Unpinefo
letto 1118 volte in 4363 giorni (0,26)
Secondo mese di scavi a UNPINEFO - 25 maggio e 1 giugno 2008

Ancora 2 brevi note e qualche foto. E' passato un mese durante il quale abbiamo lavorato parecchio; qualche problema è stato risolto, qualche altro non credo lo sarà e probabilmente causerà una frattura fra alcuni ragazzi del gruppo di Forlì e me.

25/05/2008

... sotto il segno di G.......uinness!!

Dati significativi di oggi: quasi 4 ore di lavoro; quasi 100 anni in 2; quasi 160 kg in 2; quasi 10 metri di profondità raggiunti.
Ora non è semplice estrarre secchi di detrito, in pratica ci si scava sotto ai piedi; il possibile cunicolo individuato la volta scorsa si è rivelato un'inutile rientranza e si continua in verticale: pareti lisce, sezione ellittica, ma area più piccola, decisamente piccola per un "ultraunoeottantenne" come me e un compatto mastino come Piergiorgio. Indicativamente l'asse N-S misura 90 cm e quello E-W 50 cm; la base è ancora formata dallo stesso detrito che riempiva l'intero pozzo, poco compatto e facilmente asportabile, ma ci si muove in un tubo di roccia che, ad esempio, rende impossibile toccarmi con le mani i piedi.

Note: scende ancora, almeno un metro a giudicare dalla facilità con cui è stato possibile sondare il terreno con un bastone; potrebbe proseguire verso N, se il "bucotto" che si è aperto non è l'ennesima illusione; al momento dell'apertura del "bucotto" ho smesso di sudare, anzi ho avuto la netta impressione di "sentire fresco"... però era più di un'ora che scavavo là sotto, le mie condizioni erano penose e potrei essermi immaginato tutto...

01/06/2008

Siamo in 4: io, Filippo, Fabio (amico di Filippo e prossimo corsista, addetto al recupero secchi) e l'insostituibile Teo... eh, sì, questa volta si è reso veramente utile, specie quando è riuscito ad aprire una cameretta/galleria in direzione N-NW dove da quel momento è stato possibile introdurre le gambe, quindi abbassarsi e riprendere a scavare.
Ora la situazione è questa: alla base c'è ancora terriccio da asportare. Il vano a lato è ingombro di detriti e sono presenti anche sassi e massi di dimensione significativa; comunque non c'è dubbio sul fatto che da lì si prosegue.
Abbiamo estratto una pietra di almeno 20 kg e notato che altre nella cameretta sono in equilibrio precario per cui dalla prossima volta sarà consigliabile pensarci due volte prima di infilare una qualunque protuberanza al suo interno!

...

     
gianlucacarboni.it © Copyright 2008-2020      Tutti i diritti su testi e immagini sono riservati