Home

gianlucacarboni.it


° Speleologia
° Alpinismo
° Arrampicata
° Escursionismo
° Torrentismo
° Turismo culturale
° Musica


 
stampa questa pagina web | . 1324506
 
Articolo inserito in data 12/11/2008 21:48:12
Complesso del Corchia
letto 1776 volte in 4163 giorni (0,43)
LEVANTE LIGURE-APUANE 2008 - ANTRO DEL CORCHIA

Protagonisti: Lorena e Gianluca "jnn", con la partecipazione straordinaria di Luca Budassi e una colorata banda di speleologi Ternani

Antro del Corchia (Lucca): quinta puntata

Galleria Ribaldone - galleria del Giglio
Ramo dei Tre - ramo Choobydoo

06/04/2008

Antro del Corchia: alle 9 siamo entrati dal buco dei Pompieri. Passato il salone Saragato, la galleria artificiale della turistica e le prime rampe di scale metalliche abbiamo raggiunto il ramo del Giglio... ho scoperto questa mattina che ieri sera avevamo deciso di partire da questo!
Una grande galleria in discesa presto sprofonda nel bel pozzo Suzanne; gli ambienti sono enormi, e lo è soprattutto la parete verticale, liscia, apparentemente senza fine, che in parte delimita il salone del Centenario. Più avanti si incontra un trivio: alcuni di noi sono andati in salita a destra verso il fondo del ramo, mentre Luca, il sottilissimo Matteo ed io abbiamo optato per il ramo dei Tre e il successivo Choobydoo... quasi 2 ore di meandrini, fessure, fratture a misura di torace, pozzetti da affrontare in contrapposizione... ne sono uscito frantumato quanto la mia tuta...
Ritrovati gli altri e incrociato un gruppone di Pistoiesi siamo risaliti. Proseguendo poi lungo le passerelle della turistica siamo arrivati al ramo del Fiume che abbiamo percorso verso monte fino al lago Nero. Dal pozzo della Fangaia (ramo dei Fiorentini) stavano scendendo alcuni speleologi di Firenze... ne ho approfittato per "fare salotto" e riposarmi liquefatto su un comodo pietrone... a proposito di salotto: Fiorentine e Fiorentini sono piuttosto simpatici a farebbero volentieri qualche giro con noi qui dentro e in altre grotte della zona... mi sa che nei prossimi mesi li farò pentire della loro disponibilità e gentilezza...
Dopo 10 ore siamo usciti. Ci siamo fermati dalla "Piera" per "...'no spuntino prima de parti'...": 4 pizze, 4 focacce col lardo, 3 pirotecniche pirofile di gnocchetti formaggio e noci, tagliatelle ai funghi e tordelli al ragù...
Che altro dire: giornata splendida, per l'ambiente, la grotta, le persone conosciute, ma soprattutto grazie a Luca e agli altri Ternani.

Note: nel salone del Centenario abbiamo notato una corda fissa e fatto una breve risalita sulla destra. Sopra, superato un piano inclinato piuttosto franoso, siamo arrivati a una sala alta che in fondo mi è sembrato aprirsi su un salto di fronte alla parete del pozzo Suzanne; a destra è possibile continuare a salire arrampicando lungo una colata, ma occorre una corda, se non altro per scendere limitando i rischi, e noi ne eravamo privi (avendola io lasciata un tot di metri sotto...).
Tornati al salone abbiamo proseguito fino a un evidente trivio: alcuni sono andati in salita a destra verso il pozzo del Pendolo; noi invece abbiamo ignorato la piccola galleria che avevamo davanti e ci siamo diretti a sinistra. Alla fine di una rampa, un tunnel schiacciato fortemente inclinato con belle concrezioni, c'è un suggestivo laghetto, ma soprattutto si trova a sinistra la lunga fessura verticale che permette di entrare nel ramo dei Tre; pochi metri aldilà di questa inizialmente non abbiamo visto una botola sulla destra e siamo andati dritto infilandoci in una frattura piuttosto stretta... arrivato dopo un paio di fessure a una curva, sono riuscito a girarmi e a tornare indietro, seguito solo in parte dalla mia tuta...
Scesi infine nella botola, abbiamo percorso un bel meandro, ci siamo calati in contrapposizione in un paio di saltini, abbiamo visitato un rametto laterale e raggiunto una parte più ampia dove apparentemente la diramazione termina. Senza rilievo (avendolo io lasciato un tot di metri sopra... inutile negarlo, perdo colpi a causa dell'età e quel giorno ne ho perso qualcuno in più del solito...) non ho potuto farmi un'idea del punto preciso in cui ci siamo fermati.
Considerato che nella parte alta della sala del Centenario potrebbero esserci prosecuzioni, che il pozzo del Pendolo manco l'ho visto, che forse ho raggiunto il ramo Choobydoo, o forse no, credo che presto organizzerò un secondo giretto in questa zona in modo da capire se realmente ci sono venuto...

...

     
gianlucacarboni.it © Copyright 2008-2020      Tutti i diritti su testi e immagini sono riservati