Home

gianlucacarboni.it


° Speleologia
° Alpinismo
° Arrampicata
° Escursionismo
° Torrentismo
° Turismo culturale
° Musica


 
stampa questa pagina web | . 1324539
 
Articolo inserito in data 04/01/2009 17:54:47
Album
letto 2094 volte in 4110 giorni (0,51)
CAPAREZZA - "Le dimensioni del mio caos" - anno 2008

E' un album interessante. Caparezza ha alcune qualità notevoli e qui riesce a renderle tutte evidenti: è intelligente, simpatico, arguto, capace di giocare con rabbia e ironia, ritmi, rime e parole. I testi che scrive non sono mai banali, sempre velocissimi, diretti, a volte amari, sarcastici, e la musica coinvolge, trasporta saltando dal rock alla taranta pur rimanendo sempre legata alle radici rap; bersagli sono le brutture della nostra società, soprattutto l'appiattimento delle coscienze, la povertà intellettuale e morale che rende preziosi oggetti e pensieri insulsi, che crea mostri, si nutre di luoghi comuni, di ambizioni sterili che possono solo portare a una decadenza interiore ed esteriore.

"Eroe (storia di Luigi delle Bicocche)" è il brano trainante, incalzante, splendido, e parla di lavoro precario, di sopprusi, della lotta quotidiana per mantenere una famiglia restando onesto; da segnalare poi i versi bellissimi e graffianti di "Non mettere le mani in tasca", l'ironia amara e velenosa di "Vieni a ballare in Puglia", una allegra taranta, appositamente l'allegra taranta che tanto piace ai turisti, che però questa volta agghiaccia se realmente la si ascolta: "Turista tu balli e tu canti, io conto i defunti di questo paese", "E' vero, qui si fa festa, ma la gente è depressa e scarica. Ho un amico che per ammazzarsi ha dovuto farsi assumere in fabbrica", "O Puglia Puglia mia tu Puglia mia, ti porto sempre nel cuore quando vado via e subito penso che potrei morire senza te. E subito penso che potrei morire anche con te".

Notevole il ritmo di "Abiura di me" e soprattutto quello travolgente di "Bonobo power", con un testo micidiale dove il tono scherzoso diventa sarcastico, quindi rabbioso nell'attacco all'ipocrisia, soprattutto in campo sessuale, di "... religiosi, intellettuali e politici benpensanti!", causa di discriminazioni e repressioni, dell'insoddisfazione che alimenta l'aggressività e nella società moderna finisce per diventare violenza contro il debole, o il presunto diverso.

Altri brani significativi: "La rivoluzione del Sessintutto", simpatica e brutale rappresentazione della odierna banalizzazione del sesso, "La grande opera", micidiale denuncia in forma di presa per i fondelli agli speculatori edilizi, e ai politici e alla "credulità popolare" che permettono loro di portare avanti inutili e pericolosi progetti tipo "... ponti da 3000 metri e rotti, buoni come i soffitti tenuti con i cerotti", poi "Un vero uomo dovrebbe lavare i piatti" e "Io diventerò qualcuno".

I testi di Caparezza sono sempre da ascoltare, ed è piacevole farlo perchè la musica che li accompagna diverte, trasmette energia. Ideale sarebbe assistere a un suo concerto (io l'ho visto a Pesaro due anni e mezzo fa) dove poter apprezzare anche la sua simpatia travolgente... in un luogo però con una buona acustica perchè la velocità di versi e rime a volte può renderne complicata la comprensione!

+       La rivoluzione del Sessintutto
+       Ulisse (You Listen)
++     Non mettere le mani in tasca
+       Pimpami la storia
+       Ilaria condizionata
+       La grande opera
+++   Vieni a ballare in Puglia
++     Abiura di me
+       Cacca nello spazio
+       Il circo delle pantegane
+       Un vero uomo dovrebbe lavare i piatti
+       Io diventerò qualcuno
+++   Eroe (storia di Luigi delle Bicocche)
++     Bonobo power

...

     
gianlucacarboni.it © Copyright 2008-2020      Tutti i diritti su testi e immagini sono riservati