Home

gianlucacarboni.it


° Speleologia
° Alpinismo
° Arrampicata
° Escursionismo
° Torrentismo
° Turismo culturale
° Musica


 
stampa questa pagina web | . 1312688
 
Articolo inserito in data 02/03/2009 16:35:10
Concerti
letto 1182 volte in 4004 giorni (0,3)
FRANCO BATTIATO - concerto a Cesena del 26 febbraio 2009

Franco Battiato è uno dei più importanti artisti italiani, un autore notevole caratterizzato da uno stile personale perfettamente riconoscibile, in grado di comporre e presentare decine di brani di altissimo livello, e alcune splendide poesie. E' un personaggio carismatico, apprezzato, amato da un pubblico eterogeneo di estimatori che vanno dai 15 ai 150 anni, ed è capace di scelte controcorrente, anche coraggiose, ma sempre coerenti, e pure di venire incontro ai desideri degli spettatori che pagano per andare a un concerto, spesso anche per comprare un album.

In effetti l'altra sera a Cesena semplicemente ho avuto l'ennesima conferma (ho visto varie sue esibizioni negli ultimi anni) di quanto ho scritto sopra: palasport strapieno di gente entusiasta, quasi due ore e mezzo di musica, un ampio spazio dedicato alla riscoperta di classici dimenticati di altri autori, poi alcune sorprese pescate in un repertorio enorme e di qualità, infine una carrellata di veri e propri capolavori proposti con bravura, equilibrio, tranquillità, sicurezza, indubbia classe; mentre ascoltavo conquistato mi rendevo conto che altrettanti, se non di più, ne avrebbe potuti cantare con lo stesso risultato... Battiato è un "grande" della musica italiana.

Era accompagnato da pianoforte, tastiere, dai raffinati archi del Nuovo Quartetto Italiano e da una chitarra delicata, quasi impercettibile, è stato quindi un concerto acustico reso particolarmente gradevole dagli strumenti classici e dalla sensibilità del tecnico responsabile che attento alla mediocre predisposizione del luogo per simili esecuzioni ha attenuato i suoni che sarebbero potuti risultare preponderanti, e reso prezioso da interpretazioni armoniose, convinte e convincenti dell'eclettico artista, dalla sua evidente voglia di condividere la propria arte.
Gustosi infine gli aneddoti raccontati, soprattutto quelli sulle le prime incisioni fatte su dischi in plastica da regalare in confezioni di patatine e sulla partecipazione in parte equivocata e contestata a un festival europeo di musica contemporanea.

...

     
gianlucacarboni.it © Copyright 2008-2020      Tutti i diritti su testi e immagini sono riservati