Home

gianlucacarboni.it


° Speleologia
° Alpinismo
° Arrampicata
° Escursionismo
° Torrentismo
° Turismo culturale
° Musica


 
stampa questa pagina web | . 1520205
 
Articolo inserito in data 26/05/2009 22:10:11
In Trentino
letto 3855 volte in 4943 giorni (0,78)
Falesia: PROMEGHIN

Falesia: Promeghin (San Lorenzo in Banale - Trento)

Via 33 - 6a   (5c)
Via 34 - 6a+ (5c in basso e 6a in alto)
Via 35 - 6b+ (5c in basso e 6a+ in alto)
Via 30 - 6a   (5c)
Via 31 - 6a+ (6a)
Via 32 - 6b+ (6b la pancia e 6a+ in alto)
Via 23 - 6b   (6a in basso e 6b in alto)

Nota: le vie non hanno nome, ma sono identificate da un numero progressivo. La guida aggiornata sulle falesie di Arco e dintorni riporta una numerazione differente da quella dei cartelli indicatori presenti sul luogo (che sono più recenti, mostrando vie che nel libro non esistono). In parete ci sono alcuni numeri scoloriti uguali a quelli segnati nella guida. Io faccio riferimento all'elenco dei cartelli posti nella falesia anche perchè credo che sarà quello definitivo una volta ultimato il lavoro di pulitura e chiodatura delle pareti.

Stessa cosa per i gradi di difficoltà: le due fonti spesso ne assegnano di differenti, e non di poco. Io riporto quelli letti sui cartelli indicatori, ma essendo misure sulle quali mi muovo abitualmente, mi assumo la responsabilità di modificarli (la mia valutazione è fra parentesi) dopo attenta verifica... e un paio di voli!

23/05/2009 e 25/05/2009

Splendida palestra che si trova in un luogo piuttosto tranquillo, a due passi da un parcheggio e da San Lorenzo in Banale, paese che sorge allo sbocco della val d'Ambiez.
Le pareti restano all'ombra fino a inizio pomeriggio, la roccia è stranissima, ma notevole, e lo spazio alla base è ampio, comodo, piacevole anche per chi non arrampica.

Punto primo: roccia stranissima! In effetti si tratta di un conglomerato molto resistente (a prima vista parrebbe sfaldarsi solo toccandolo, invece è come se fosse cementato), dove tengono perfettamente le scarpette e si arrampica sfruttando tacchette, bucanotti ben definiti e sassi sporgenti in muri quasi verticali, a tratti leggermente strapiombanti. Occorrono equilibrio, tecnica, ma soprattutto ottimi avambracci e dita potenti.

Punto secondo: la chiodatura... è quasi ottima, nel senso che è recentissima, a prova di bomba, molto ravvicinata in basso, ma a volte troppo lunga in alto, dove quasi sempre aumenta la difficoltà (i voli li abbiamo fatti proprio lassù e uno, nonostante l'attenzione del secondo, ha superato i 3 metri).

E' facile raggiungere la falesia: provenendo dalla valle del Sarca si arriva a San Lorenzo in Banale e nei pressi della chiesa si volta a destra seguendo le indicazioni per il campo sportivo; si parcheggia vicino a quest'ultimo, appena prima di una rotonda. A piedi si sale al prato col campo giochi, si resta a destra dello stesso fino a individuare la scalinata che scende alla base delle pareti... in tutto 2/3 minuti di cammino!

Le vie hanno caratteristiche simili, difficoltà spesso continue e sono lunghe più o meno 18 metri.
La 33 è un bel muro con tacche e buchetti definiti; la 34 è leggermente più difficile, soprattutto nel passaggio che precede la catena (aggirabile tenendosi appena a destra). La 35 aumenta sensibilmente di grado nella parte alta, fino a proporre un'uscita non banale, un poco strapiombante, su prese evidenti, ma non semplici, per giunta col frazionamento ben sotto i piedi (... è avvenuto qui lo spiacevole volaccio!).
La 30 è breve, più facile, ma non ha la catena e occorre proseguire su una delle vie laterali: noi abbiamo scelto la 31, con un muro verticale a piccole tacche ben definite e un'uscita relativamente complessa. La 32 propone una pancia che si vede bene dal basso ed è superabile grazie a buchetti che consumano gli avambracci; anche il muretto che si trova sopra necessita di una certa attenzione.
La 23 sale lungo un diedro dove serve equilibrio, poi su un muro faticoso in cui il grado non cala mai: è la via più difficile fra quelle che abbiamo ripetuto.

Alcune foto sono di Lorena, dello Speleo Club Forlì 

...

     
gianlucacarboni.it © Copyright 2008-2022      Tutti i diritti su testi e immagini sono riservati