Home

gianlucacarboni.it


° Speleologia
° Alpinismo
° Arrampicata
° Escursionismo
° Torrentismo
° Turismo culturale
° Musica


 
stampa questa pagina web | . 1446326
 
Articolo inserito in data 10/01/2010 17:31:19
Buca Alta del Ginepro
letto 1069 volte in 4276 giorni (0,25)
Primi scavi alla BUCA ALTA DEL GINEPRO - 10 gennaio 2010

Buca Alta del Ginepro (per me va...): seconda puntata

10/01/2010

Di nuovo su al Ginepro... la curiosità è troppa perchè un po' di pioggia basti a farci rinunciare!
Di nuovo Davide ed io, di nuovo 4 ore di scavo.

Buone notizie: si tratta di un meandro evidentemente lavorato dall'acqua, in posizione ottima, promettente. Abbiamo liberato una seconda ansa e l'inizio di uno scivolo molto inclinato e liscio. Indicativamente abbiamo toccato i 2,20 metri di profondità e lo sviluppo è attorno ai 3 metri.
Verso monte prosegue (se ne individua la traccia all'esterno, un fossetto accennato che si perde quando la pendenza del versante aumenta), ma come la logica suggerisce, la parte interessante è verso valle, dove non accenna ne' a stringere, ne' a "ingrottarsi"... in pratica, per ora, stiamo portando alla luce una bella forra!

Cattive notizie: l'ambiente non è stretto da precludere il passaggio, ma da rendere faticosa e lenta l'estrazione della terra (che tende fra l'altro a diventare rapidamente fango) sì. Lo scivolo e l'ansa, di roccia compatta, limitano i movimenti.

Siamo quindi ancora a cielo aperto, e sarà necessario proseguire nell'apertura del meandro, in modo da guadagnare spazio e soprattutto non lasciarsi sulla testa un pericoloso e instabile riempimento. Probabile che convenga allargare la seconda ansa tramite una robusta disostruzione.

A scanso di equivoci abbiamo marcato la buca.

...

     
gianlucacarboni.it © Copyright 2008-2021      Tutti i diritti su testi e immagini sono riservati