Home

gianlucacarboni.it


° Speleologia
° Alpinismo
° Arrampicata
° Escursionismo
° Torrentismo
° Turismo culturale
° Musica


 
stampa questa pagina web | . 1446285
 
Articolo inserito in data 07/06/2010 19:10:25
Buca Alta del Ginepro
letto 1186 volte in 4128 giorni (0,29)
Primi scavi alla BUCA ALTA DEL GINEPRO - 2 giugno 2010

Buca Alta del Ginepro (per me va...): sesta puntata

02/06/2010

Sono irrilevanti le novità.
Questa volta eravamo in 3 a scavare: Pier, Gabriele "Maio" (2 new entries) ed io.
Lavoro faticoso, continuo, usurante per muscoli e schiena, ma progressi pochi. Quella che probabilmente è una forra larga anche più di un metro e profonda da 2 a 3, piena di terra e spianata tanto che in superficie è impossibile individuarne la presenza, fa ora, al termine del tratto liberato, una curva di 90° a destra... l'ennesima!
Nel punto di maggiore profondità, oltre 3 metri, davanti alla parete verticale e compatta di gesso che disegna la curva, non abbiamo raggiunto la base di roccia, per cui la parete stessa, che sotto presenta una concavità, potrebbe anticipare e proteggere l'inghiottitoio sperato... se fossero altri a scavare, ma essendo noi si tratterà sicuramente di un'ampia e inutile marmitta interrata...

Cercar grotte con vanga e badile sarà poi così sensato? Però è divertente e magari un giorno o l'altro il "botto" lo faremo davvero!

Da segnalare un aneddoto: il cielo è diventato scuro e il rumore dei tuoni ci ha creato una certa inquietudine visto che eravamo in cima a un monte a mezzora almeno di cammino da un riparo decente. Gabriele "Maio", evidentemente un ex-boyscout o giovane marmotta, non si è perso d'animo e con un telo impermeabile, rami, pietre, ombrelli e vanghette come contrappeso ha costruito all'interno della forra una capanna rustica... molto rustica.
Il consumo delle birre che ha portato con sé è servito a crederla meno precaria di quanto fosse in realtà... giudicate voi dalle foto... e ci ha incoraggiato a trovarvi un momentaneo rifugio.
Suppongo che il Signore, osservando dall'alto come una impolverata, inadeguata, disgraziata banda di speleologi si apprestasse ad affrontare un brutale temporale, si sia impietosito, o meglio abbia compatito la suddetta banda composta da soggetti che senza dubbio il destino ha già colpito duramente (altrimenti non sarebbero stati lì, per un simile motivo e ridotti in quel modo), e deciso di risparmiare tanta potenza meteorologica per qualcuno che ne fosse degno, o almeno non ne uscisse massacrato, così il vento è cessato e le rumorose nubi nerissime si sono dissolte ignorandoci.

Alcune foto sono di Gabriele Rosetti, dello Speleo Club Forlì

...

     
gianlucacarboni.it © Copyright 2008-2021      Tutti i diritti su testi e immagini sono riservati