Home

gianlucacarboni.it


° Speleologia
° Alpinismo
° Arrampicata
° Escursionismo
° Torrentismo
° Turismo culturale
° Musica


 
stampa questa pagina web | . 1269066
 
Articolo inserito in data 15/04/2011 10:18:11
In Toscana
letto 5844 volte in 3047 giorni (1,92)
Falesia: MONSUMMANO (relazione 1)

Falesia: Monsummano (Monsummano Terme - Pistoia): relazione 1

Settore: Cava Grigia

a sinistra:
Via Diedro Inclinato - 4c
Via Gratta e Vinci - 6a
Via Babilonia (in alto a sinistra) - 5b
Via Babilonia (in alto a destra) - 5a

al centro:
Via Rossano Picchia Piano... - 5a (solo i primi metri)
Via Bancomatta - 5c

13/04/2011

Premetto che io sono un climber piuttosto scarso e, fra l'altro, per vari motivi non mettevo le scarpette da almeno 2 anni... d'altronde l'arrampicata non è il mio sport e anche nei periodi migliori la pratico saltuariamente, con relativo impegno e mediocri risultati.
A Monsummano non ero mai andato, tuttavia credo che ritornerò spesso.

E' una palestra notevole, con vari settori e un gran numero di vie divertenti medio-facili. Si trova in un luogo tranquillo, caldo, raggiungibile in 5' di cammino. Suppongo che, viste le caratteristiche, risulti molto affollata nei giorni festivi, soprattutto nelle stagioni più fredde, e sono evidenti le tracce dell'accentuata frequentazione, purtroppo, nei boschetti attorno!
Noi, dopo una rapida occhiata al settore Cava Rossa, ci siamo spostati in quello Cava Grigia; il calcare su cui abbiamo arrampicato è compatto, pulito, e la chiodatura molto ravvicinata, tale da garantire una rilevante sicurezza. La tipologia di parete non esclude però la possibilità di caduta di qualche pietra dall'alto.

Dal casello di Montecatini Terme si seguono le indicazioni per Monsummano Terme, poi, giunti in paese, quelle per la grotta Giusti. Poco prima di arrivare nella zona termale di quest'ultima si devia a sinistra nella via Cava Rossa che presto termina in un incrocio a T nei pressi del quale si parcheggia, badando a non creare impicci agli abitanti delle case attorno. In tutto, con traffico normale, occorrono 10 minuti d'auto.
Ho letto che si sono verificati casi di furto nei veicoli incustoditi, per cui è consigliabile non lasciarvi nulla.
Un largo sentiero sale fra gli ulivi mantenendo la direzione della via d'accesso e mirando le evidenti, vicine pareti rocciose; più avanti curva a sinistra e un cartello segnaletico indica la posizione di alcuni settori. Proseguendo si incontra a destra la deviazione per la cava Rossa (cancello in legno chiuso con catena, 5 minuti a piedi) e dopo altri 2' di cammino si giunge di fronte all'anfiteatro della Cava Grigia.

Il "Diedro Inclinato" è a destra dell'inconfondibile Pala Strapiombante (che caratterizza a sinistra la Cava Grigia); è semplice e divertente, anche se tecnico come tutti i diedri, e alto 20 metri.
"Gratta e Vinci" è subito a destra, con scritta e piastrine gialle, alta anch'essa 20 metri (catena in comune con la precedente); il tratto che da il grado è al centro, breve, e fondamentalmente chi ha poca forza nelle mani (come me...) riesce a superarlo con un po' di equilibrio, solo fidandosi della tenuta delle scarpette perché le maniglie hanno un'inclinazione fastidiosa.
"Babilonia" parte più o meno dallo stesso punto, ma inizialmente tende a destra (la si riconosce dal numero 25 dipinto sulla roccia; fra questa e quella appena descritta c'è una via che non ho provato. In basso non è un granchè, ma il muretto sopra, verticale e con ottime manigliette, risulta particolarmente divertente sia che lo si superi a sinistra (leggermente più difficile) che a destra. A mio parere si sviluppa per 30 metri.
"Rossano Picchia Piano..." è più o meno in mezzo alla grande parete inclinata centrale (scritta gialla), e si dimostra nettamente discontinua, praticamente divisa in due: nei primi 6/7 metri occorre un po' di equilibrio per superare la fascia più verticale (il grado sta qui), mentre il tratto superiore è fortemente appoggiato e quasi vi si passeggia, facendo attenzione solo a non provocare la caduta dei sassetti che si incontrano. Credo sia alta una ventina di metri.
"Bancomatta" è una via breve tracciata subito a destra della precedente (scritta gialla) e dopo una partenza simile a questa propone il passaggio in un'evidente paretina triangolare, verticale, per affrontare la quale sono fondamentali l'equilibrio sulle gambe e un buon allungo verso una provvidenziale buca da lettera, forse troppo bella per essere vera...

relazione 2

"Cava Grigia: settore sinistro con la Pala Strapiombante"

 

"Cava Grigia: parete centrale"

 

"Cava Grigia: parete centrale"

 

"Cava Grigia: parete del settore destro"

 

"Cava Grigia: Pala Strapiombante e settore col Diedro Inclinato"

 

"Cava Grigia: vie "Diedro Inclinato", "Gratta e Vinci" e "Babilonia", con variante a sinistra"

 

"Cava Grigia: Lorena nella via "Diedro Inclinato""

 

"Cava Grigia: vie "Diedro Inclinato" e "Gratta e Vinci""

 

"Cava Grigia: Lorena nella via "Gratta e Vinci""

 

"Cava Grigia: Gianluca (... io!) nella via "Babilonia""

 

"Cava Grigia: Gianluca (... io!) nella sosta della via "Babilonia""

 

"Cava Grigia: Lorena nella via "Babilonia""

 

"Cava Grigia: vie "Rossano Picchia Piano..." e "Bancomatta"

 

Alcune foto sono di Lorena Fiore

...

     
gianlucacarboni.it © Copyright 2008-2019      Tutti i diritti su testi e immagini sono riservati